Isola di Capraia, Minigiraglia tra terra e mare

Tutto è stato deciso dal vento: chi tra gli iscritti oltre cinquanta barche, avrebbe partecipato alla regata; come partire e dove arrivare. Gli equipaggi hanno trovato condizioni di vento e mare impegnative il giorno del trasferimento in Capraia. Alla partenza della regata il giorno dopo, c'era vento debole fino a calma piatta dopo alcune miglia. Alla Giraglia il vento è del tutto assente, si profila una notte in mare a ciondolare, con le vele sgonfie. La giuria decide di tagliare il percorso a sei miglia dallo scoglio della Giraglia. Per i regatanti il traguardo è una linea immaginaria tra la barca Comitato e l'infinito. In tempo reale vince Sean, numero 34, barca di 16 metri, Paolo Sanguettola armatore; seconda Nautilus Too, lunga m. 10.5, armatore Luigi Belli; al terzo posto Sofia e, a seguire: Sortilege, Alpha Umi, Qualfat II, Gemini, Tucano, Kali Mera, Supereva taglia decima. In tempo compensato, (speciale classifica che tiene conto delle caratteristiche veliche delle barche) ha vinto Nautilus Too; seconda Sean, terza Sofia. (Video di Luciano De Nigris)

Gli altri video di Cronaca locale