II centro di Pisa paralizzato per Canapisa e presidio del centrodestra

Da una parte gli antiproibizionisti di Canapisa, dall'altra il presidio di protesta promosso da Lega e centrodestra. E' un sabato di manifestazioni quello che si è svolto a Pisa e che ha paralizzato il centro della città. A dividere le due piazze un imponente servizio d'ordine. Dal palco del centrodestra il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani  ha ribadito ai circa 200 manifestanti il suo "no a qualunque liberalizzazione di droghe leggere" e che oggi "a Pisa non è stato impedito di manifestare a nessuno, anzi è stata fatta una scelta di ordine pubblico legittima".  Poi ha preso la parola il sindaco di Pisa Michele Conti che ha ricordato "l'impegno della giunta di liberare la città da un corteo che l'ha violentata per 18 anni diffondendo solo degrado". Dalla parte opposta circa 800 persone hanno preso parte al presidio antiproibizionista con musica, canti e interventi". Presente anche la giornalista e blogger Selvaggia Lucarelli: "Sono qui a titolo personale perché ritengo sacrosanto e inviolabile il diritto a protestare e a manifestare".
 
di Chiara Tarfano

Gli altri video di Cronaca